Consigli

Finalmente vostro figlio o vostra figlia sono arrivati a casa. E' stata dura. Ma vi avverto, non è ancora del tutto facile. Ci sono controlli da fare, altri piccoli spaventi da superare. A volte succede che le dimissioni avvengano in 5 minuti. Cercate invece di fare domande, di chiedere e di chiarire ogni dubbio, anche quello che vi sembra stupido. Ad esempio, a noi non è stato ben spiegato il problema del reflusso gastroesofageo di cui soffre Riccardo e i primi tempi non siamo andati incontro alle sue esigenze. Non abbiate paura a chiedere, è un vostro diritto!

Ansia
L'ansia è normale in qualsiasi genitore, figuriamoci in quello di un bimbo nato prematuro! Noi ci svegliavamo i primi tempi ogni mezz'ora! Considerate che il giorno prima delle dimissioni era ancora attaccato al saturimetro per controllare i  valori dell'ossigeno! Senza quella macchinetta ci sentivamo persi. Abbiamo però pensato: se l'ospedale ci ha detto che poteva venire a casa si vede che è così!
Cercate di non essere ansiosi ma siate clementi con voi stessi. E' normale essere preoccupati, non c'è niente di male.


Dormire
Noi abbiamo deciso di farlo dormire nella carrozzina, ma va bene anche una culla. L'importante è che sia un ambiente ovattato.  Abbiamo usato delle copertine per avvolgerlo. Soprattutto i prematuri hanno bisogno di sentirsi ben protetti. Noi abbiamo usato, sopra il materasso, il vello di agnello che - sembra - mantenga la giusta temperature corporea.

Visite parenti/amici
Ci hanno detto che all'inizio bisogna limitare le visite di parenti ed amici. E' sicuramente giusto e chi vi ama vi capirà. Un motivo è che i nostri bambini non hanno anticorpi, quindi almeno per i primi tempi meno persone incontrano meno hanno possibilità di ammalarsi. Inoltre, sono stati costretti a vivere in ambienti rumorosi, con un via vai di gente. Un po' di tranquillità non può far che bene.

Rumori
A proposito di rumori in terapia intensiva. So che alcuni bimbi prematuri una volta a casa hanno bisogno di sentire dei rumori cui erano per forza di cose abituati. Devo dire che non è stato il nostro caso. Anzi. Riccardo vuole il silenzio assoluto! Ma ho sentito di casi in cui i bimbi non riuscivano a prendere sonno per la troppa pace che regna in casa. Mi hanno detto che è utile accendere una radiolina anche a basso volume... Vedete voi!

Uscite
Come dicevamo gli anticorpi sono pochi ma questo non vuol dire tappare i nostri bambini in casa. Ben coperti, possono affrontare anche un'uscita invernale, magari nelle giornate di sole e nelle ore più calde, tipo poco dopo il pranzo. Fa bene e regala tanta vitamina D, utile contro le infezioni e per le ossa.

Controlli e possibili problemi
Generalmente ogni mese dovrete fare un controllo... I primi tempi eravamo ansiosi. Piano piano ci si abitua. Al'inizio si fanno un po' di esami. Analisi del sangue e via dicendo. Potrebbero anche consigliarvi la fisioterapia. Molti bambini non usano bene una parte del corpo perchè in incubatrice stavano sempre in una certa posizione. A tal proposito, se vostro figlio è ancora in terapia intensiva chiedete all'infermiere di girarlo da una parte e dall'altra periodicamente.
Altra patologia è la retinopatia (ROP), un problema agli occhi dovuto alla presenza di ossigeno, in diverse concentrazioni, nell'incubatrice. A volte si risolve da sola, altre volte invece occorre un'operazione.
Molti prematuri vanno incontro all'ernia ombelicale - una sporgenza dell'ombelico. Nella maggioranza dei casi passa con il crescere e si arriva ad un eventuale intervento solo per ragioni estetiche. C'è poi l'ernia inguinale - di cui soffrono soprattutto i maschi- che si manifesta con la comparsa di una tumefazione nella zona inguinale. Qui l'intervento è necessario.
Infine una patologia di cui soffrono anche i bambini nati a termine ma che ho riscontrato in molti bimbi prematuri, il reflusso gastroesofageo. Vi rimando a questa pagina dove il problema è ben spiegato:...... www.reflusso.net Riccardo, ahinoi, ne soffre in forma severa. Ci hanno detto di avere pazienza. Solitamente si risolve il tutto in un anno - che non passa mai! :=)

Se volete sapere di più delle patologie di cui soffrono generalmente i bimbi prematuri vi consiglio questa pagina: http://it.geocities.com/baldimariarosaria/32.htm
Torna
all'indice